Pubblicato in: Poesia

Con te non parlo: più!

Con te non parlo. Ennò!

Con te non parlo più.
perché, ti vedo: ti nascondi per origliare
perché il tuo sorriso è falso
perché la tua attenzione è malfidata e sfuggente

perché non ci sono legami,
fra me e te,
e quello che dice ci sia è un legame inventato dagli uomini.

Con te non parlo, no, no e poi no!
Con te non parlo più
Perché i tuoi argomenti non sono interessanti
perché non importa se sei “più”

perché il legame che esiste fra me e te
È un legame vero e sanguigno, ma scolorito
È sangue sfruttato

Perché vuoi essere sempre il doppio?

Con te non parlo. E basta! Non insistere
Con te non parlo più
perché rappresenti l’interesse
interessato
perché il tuo conta sempre più del mio
Più. Non parlo più con te.
Perché deploro le mosse di moine
perché il tuo passo felpato m’inquieta
perché gli occhi tuoi miopi tradiscono il tuo pensiero
e mostrano la verità
perché il suo levitare non è che misurare un’esatta ricerca
delle individualità altrui per poterle indossare
perché la tua malsana emulazione disturba il rapporto
perché l’essere in pace con te
altro non è distrarre l’originalità altrui.

Ilidia Comparini – La strega vera

Pubblicato in: Poesia

Clessidra

È Natale oggi
Natale di giorni grigi
non tristi
nient’altro che diversi
Ieri, tradizione invitava alla festa Caos e Confusione
Che, vestiti di lamè e luccicanti,
si presentavano a vigilia urlanti ed assordanti.
Oggi, festeggiamo e ricordiamo in silenziosi salotti
Freddi e distanti
È l’anima del buon senso che persiste
e richiama all’ordine quel caso inconsistente
che circola in alcune delle menti
del presente.

Non chiedo di meglio che palpare
il transito della sabbia fra le dita
per comprendere col tatto
il tempo che passa, inesorabile
Granello per granello riempio la clessidra sul ripiano
davanti alla finestra dorata
il basso raggio del sole che va a dormire sferza una penna d’acciaio
che non resiste e s’illumina di arcobaleno sgargiante.
E m’addormento con fiducia
Vivendo questo arruffato, e non solo mio, presente
Proiettata verso un sogno incombente e sconosciuto
Promosso da quest’immagine potente
Di un tempo che s’appropinqua caldo abbrustolito ed abbronzato.

Ilidia Comparini – La strega vera