Pubblicato in: Pensieri

Sfogo vacanziero

Vacanze.

Le vacanze son facili.

Le vacanze devono essere vacanze.

Le vacanze dopo un periodo molto difficile e molto lungo.

Moti interiori ancora scossi, non ancora liberi dalla prigione delle sofferenze, appesantiti da loop lavorativi intensi, complessi, pesanti e che non accennano a mollare la morsa sul collo.

Sparisco.

Con i miei affetti autentici, in luoghi geograficamente diversi: mare poi montagna, ospite di cari amici che non frequentavo da tempo.

Sparisco.

Mi cercano.

Clienti insofferenti, parenti e affini.

Mi cercano anche altri: amici da cui, forse, sono scappata.

Appariró agli altri insofferente, sfuggente ed egoista. Mi cercano perché ho sempre reso disponibile il mio pensiero e la mia presenza.E in questo momento che di facile, per me, ha solo l’apparenza, non vorrei essere trovata. Vorrei invece urlare ad una finestra di questo mondo: C’è qualcuno che si fa gli stracci suoi? Non mi distraete.Sto cercando di imparare a volermi tanto bene.

Ilidia Comparini – La strega vera

Pubblicato in: Poesia

September – La mia città è arte

Silente,

La luce riflette,

Lo sguardo ammaliato si incolla su immagini d’arte.

Scorci di buio e palle di luce

Fasci di colore su vessilli d’onore

C’è un orizzonte pieno zeppo in fondo.

Aria di settembre entra in questa finestra spalancata

Porta il brivido della refola e il fremito di commozione:

O Città mia,

ti respiro di un odore salino,

ho sulla pelle la colla salmastrosa dello scoglio

Accetto la sferzata del libeccio in pieno viso come un sacro manrovescio,

Ciuccio e mastico il cacciucco e lo sciacquo col vino rosso.

Infine, la pace.

Questo è genio, questo è stile.

Ilidia Comparini – La strega vera